venerdì 27 aprile 2012

mini muffin cocco e riso


Bè, ho comprato questa strana teglia per minimuffin ieri all'ikea e dovevo provarla subito.
Con pirottini di carta colorati annessi, eh?
Facilissimi, bastano:
- 1 tazza di farina
- 1 zucchero di canna
- 1/2 tazza di cocco grattugiato
- 1/2 tazza di farina di riso
- 1/2 cucchiaino di bicarbonato
- 1 cucchiaino di lievito
- 1 bustina di vanillina
- 1 uovo
- 1/ tazza di olio di semi
- 1 yogurt greco
- 4 cucchiai di latte
Si impasta il tutto velocemente, ricordate che meno si mescola bene e più buoni vengono........................bah, ancora non so se crederci a questa cosa qui, comunque.
In forno a 180° ventilato per 15 minuti e voilà!
Consiglio una copertura al cioccolato bianco....basta far sciogliere il cioccolato bianco con un goccio di latte........e spalmarlo sopra.....................cercando di lasciar raffreddare bene.................................................

martedì 24 aprile 2012

Tortelli di grano saraceno con marmellata d'albicocche


Dovete sapere che ho un debole per la cucina biologica e macrobiotica.
Perchè non sempre ho voglia di dolci calorici e ricchi, ma anche di qualcosa di semplice e "salutare" con cui fare colazione o da accompagnare a un buon tè nero...
Per farli ho usato tutti ingredienti biologici, ma voi fate come vi pare:
- 300 gr farina di grano saraceno
- 100 gr farina normale
- 200 gr burro
- 1 bustina vanillina
- 1 pizzico sale
- 200 gr zucchero di canna grezzo
- 1 uovo e 1 tuorlo
- marmellata di albicocca
Il procedimento è molto semplice: basta fare una pastafrolla mescolando insieme tutti gli ingredienti.
Si può procedere anche malamente, tanto il risultato è assicurato dal burro che deve essere morbido (bastano 30 sec. al microonde).
La palla di impasto che si ottiene deve riposare in frigo per almeno una mezz'oretta.
Stendendola poi su di un piano consiglio di usare un largo bicchiere per fare i dischi che una volta farciti al centro si possono chiudere saldando i bordi con le dita.
Una volta in forno bastano 15 minuti circa a 180°.
Di marmellata ce ne sta un cucchiaino circa.....ma più grande è il disco e meglio è....non nascondo il fatto di aver farcito gli ultimi con crema di cacao e granella di nocciole, però................................................................

pollo piri-piri

Credo che sia una ricetta thailandese...o della Polinesia.
Comunque per essere stato un esperimento, è andato piuttosto bene.
Anche se la lista degli ingredienti può spaventare, premetto che il risultato è piuttosto delicato e agrodolce.
Ci vuole:
- una confezione da 6 cosce o fusi di pollo
che bisogna scottare su piastra ben calda per almeno 15 minuti.
Mentre rosolano, bisogna mettere nel frullatore:
- 2 cipolle rosse
- 3 spicchi di aglio
- il succo di 2 limoni
- 4 cucchiai di aceto di mele o di riso
- basilico fresco
- 2 cucchiai di salsa Worchestershire
- 1 cucchiaino di peperoncino macinato
- 2 cucchiai di paprika dolce affumicata
A questo punto, trasferire il pollo in una casseruola da forno,salarlo, immergerlo nella salsa appena frullata e cuocere il tutto per 1 ora e un quarto circa a 200° avendo cura di girarlo spesso e coprendolo con un foglio di carta forno bagnata.
Io trovo stia bene accompagnato da riso bianco a vapore che è davvero necessario per gustarsi il sugo che ne esce......................................................

lunedì 23 aprile 2012

pancakes dolci al farro


Appena ci si sveglia è sempre bello mettere sul fuoco la piastra a scaldare per preparare qualcosa di sano.
Poi è bello e veloce fare i pancakes.
Mai provato??
Una mia amica li faceva anche per cena per i suoi bambini, ogni tanto.
Perchè si possono fare anche non dolci, ma dolci-salati tipo crepe, per magiarli anche con prosciutto o formaggio...(basta ridurre lo zucchero e aggiungere un pizzico di sale).
Sono sempre reduce dal corso di cucina naturale, per cui ho usato ingredienti bio.
In una ciotola si mette:
- 1 tazza di farina di farro
- 1 tazza di zucchero di canna
- 1 bustina di vanillina
- 1 uovo
- 1 cucchiaio di burro
- latte q.b. per impastare
e si mescola il tutto aggiungendo latte fino a ottenere una pastella densa, non liquida!
Si lascia riposare qualche minuto mentre si scalda la piastra e poi con l'aiuto di un mestolo si lascia colare un pò di impasto(circa 2 cucchiai) per ottenere un pancake delle dimensioni di un'arancia.... o almeno io li faccio piccoli.
C'è chi li fa anche più grandi, ma sono più difficili da cuocere.
Quando fanno le bollicine in superficie sono da girare e hop!
Belli caldi, si innaffiano tradizionalmente di sciroppo d'acero, ma a casa mia con nutella, marmellata, cioccolato bianco, malto di riso, miele....................................................................................................................................................................

martedì 17 aprile 2012

biscottini burro e mais


So che la forma adatta per questi biscotti sarebbe stata quella tonda acciambellata a tarallo, ma quando si hanno bimbi, bisogna accontentarli.
Ho sempre adorato i biscotti del Mulino Bianco che si chiamavano "Pannocchie" e non sono mai riuscita a riprodurli bene, ma stavolta mi sono avvicinata(ciò significa che non sarà l'ultimo post di biscotti al mais).
Ci ho messo:
- 500 gr di farina
- 100-150 gr di farina di mais( ci si regola mentre si impasta)
- 250 gr burro
- 2 uova
- 1 cucchiaio di succo di limone
- 1 bustina vanillina
e adesso che ci penso, un pochino di colorante giallo ci sarebbe stato bene...così venivano dello stesso colore di quelli del mulino...
In ogni modo, bisogna impastare tutti gli ingredienti col burro ammorbidito come si fa per la pasta frolla, si ritagliano con spessore di circa 1 cm e basta poco per cuocerli.
Io ho messo il forno a 180° non ventilato e 15 minuti sono stati sufficienti.
Non bisogna farli dorare troppo secondo me, ma sfornarli appena sono cotti.
Certo, avere la formina a forma di pannocchia per farli sarebbe stato tremendo.....

tacchino divino


Mi piace molto la carne bianca, ma il tacchino non è che mi abbia mai fatto impazzire.
Un mio amico infatti lo chiama "tacchinaccio".
Per cui, a parte coi funghi, non sapevo in quale altro modo farlo, finchè non ho pensato di metterlo a marinare per ore con qualcosa che ne migliorasse il sapore a tutti i costi!!
Dopo qualche esperimento fallito, finalmente ho scoperto il mix adatto.
L'ho trattato come se fosse un pezzo di selvaggina e perciò gli ho messo spezie che andrebbero bene anche per l'anatra o la faraona.
In un contenitore ho messo:
- 2 sovracosce di tacchino (circa 700 gr?)
- una presa di sale marino
- una spolverata di pepe nero
- 1 cucchiaino di aglio in polvere
- 1 cucchiaio di rosmarino secco
- il succo di mezzo limone
- 1 cucchiaio di sciroppo d'acero
- 2 cucchiai di salsa di soia
- 4 cucchiai di porto
dopodichè l'ho massaggiato bene(sì, un bel massaggino rilassante) e l'ho lasciato in frigo a marinare per circa 4 ore.

Poi ho acceso il forno a 180° non ventilato e, dopo averlo messo nella teglia circondato sopra e sotto da carta da forno bagnata, l'ho lasciato a cucinare per 2 ore senza mai girarlo.....comodo,eh?
Alla fine ho tolto la carta forno da sopra e l'ho fatto rosolare a forno ventilato per altri 20 minuti.
Adesso che scrivo mi viene in mente che il suo sughetto è talmente buono che forse varrebbe la pena metterlo in un pentolino e farlo bollire 5 minuti con una presa di farina per ridurlo e dargli quel che da salsetta...magari la prossima volta ci provo!
Giuro e stragiuro che è davvero buono, specie col purè...ma....cos'è che non è buono col purè?
Beh, dai, comunque ci siamo capiti...

lunedì 16 aprile 2012

ragù di un giorno di pioggia


Piove, piove....
allora mi armo di piccone e luce da speleologo e vado in avanscoperta nel mio freezer.
Non è normale dimenticarsi vaschette di macinato nel profondo??
Per me sì...perchè penso che il macinato sia una di quelle cose che non deve mancare mai in casa.
Ci si fanno troppe cose(lo compro quasi sempre al supermercato), per cui ero sicura che un paio di confezioni dimenticate ci fossero!
Però non pensiate che questa ricetta sia "assoluta".
Nel senso che tutti ne hanno una loro, specie qui in romagna.
Però è bello sperimentare, per ciò oggi ci ho provato con:
- 600 gr macinato misto bovino-suino( insomma 2 vaschette del supermercato!)
- 3 fette di mortadella molto ben sminuzzate
- 1 cucchiaio di salsa di soia
chiaramente dopo aver fatto soffriggere
- 2 cucchiai di misto per soffritto (sempre surgelato, eh,eh)
- 3 cucchiai di olio di oliva
Ho rosolato tutto per bene prima di aggiungere
- una spruzzata di vino bianco (io avevo del vermouth)
e farlo asciugare bene prima di aggiungere
- mezza bottiglia di polpa di pomodoro (circa 400 gr)
- 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
- sale e pepe q.b.
e ho fatto bollire piano piano per ben 2 ore e mezza aggiungendo un pò di brodo di carne se si asciugava troppo...
Anche la ricetta del brodo la metterò,eh?
Devo solo risolvere il problema che non viene bene in foto............

venerdì 13 aprile 2012

muffin malto e carote


Ed eccomi nel pieno momento della mia nuova ossessione: la cucina naturale.
Ho fatto un mini corso per bambini e mi sono subito appassionata dell'argomento.
In particolare questa ricetta la riporto volentieri perchè mi sembra rispecchi in tutto e per tutto il concetto.
Quello che si ottiene è un dolce dal sapore diverso e più pieno e, anche se meno dolce, comunque gustoso.
Premetto che non sono mai stata una fanatica del genere; credo che la nostra cucina marci troppo in generale sul sale, lo zucchero e ingredienti altamente raffinati, ma pensavo che quella sana e naturale sapesse fondamentalmente di segatura!
In parte mi sbagliavo, sebbene a questa ricetta io abbia fatto qualche modifica per renderla leggermente più....dolce!!!
Però, in quanto muffin, sono comunque facili e veloci.
Gli ingredienti sono:
- 2 tazze di farina integrale
- 1 tazza di farina di mandorle
- 200 gr di malto di riso
- 3 cucchiai di zucchero integrale di canna (o moscovado)
- 2 carote grattugiate
- 1 uovo
- 4 cucchiai di succo di arancia
- 1/2 tazza di olio di oliva o di semi bio
- 1 bustina vanillina
- un pizzico di sale
- 1 cucchiaino di lievito in polvere
La regola generale e più veloce è sempre quella di mettere tutti gli ingredienti umidi in una ciotola, e quelli asciutti in un'altra.
Mescolare bene entrambe le ciotole e poi unire amalgamando bene il tutto.
Dividere il tutto negli stampi per muffin bene oliati( o di silicone come nel mio caso...ve li consiglio!) e infornare tutto a 180° in forno non ventilato per circa mezz'ora. O comunque fin quando lo stecchino con cui lo infilzate non ne esce asciutto.
Grazie al malto vengono belli lucidi e credo che la prossima volta ne spargerò la sommità di granella di mandorle prima di cuocerli.....