lunedì 17 dicembre 2012

seitan panna funghi e spinaci


Non è un mistero che mi piaccia la cucina vegetariana e che consideri una buona abitudine questo tipo di alimentazione, (anche se sapete che apprezzo tutta la cucina!!).
Questo in particolare credo che sia un modo molto ma molto goloso di mangiare il seitan (sostituto della carne di origine vegetale) che so per certo che non a tutti piace.
Provatelo e mi saprete dire.
Io l'ho fatto con:
- 1 confezione di seitan al naturale
- 1/2 barattolo di panna di soia
- 1/2 scalogno
- 3 cucchiai di spinaci lessati
- 4 funghi champignon tagliati a fette
- olio di oliva extravergine
E' anche molto veloce.
Ho fatto soffriggere 3 minuti lo scalogno in padella con un pò d'olio, dopodichè ho aggiunto i funghi e dopo 2 minuti anche gli spinaci. Bastano 5 minuti e poi si può buttare anche il seitan tagliato come preferite (io l'ho fatto a strisce) e si lascia stufare a fiamma viva per altri 5 minuti circa o finchè non vedete che rischia di attaccarsi alla padella; a quel punto si regola di sale e pepe nero e si versa la panna di soia.
Abbassate la fiamma al minimo e lasciate insaporire 5-6 minuti, senza fare ridurre troppo la panna, il risultato non deve essere solido!
Sfido chiunque a dire che con un seitan così non vorrebbe essere vegetariano tutti i giorni!

domenica 28 ottobre 2012

crocchette di cavolfiore

E dato che è di stagione le faccio almeno una volta alla settimana!
Perchè piacciono molto a tutti, sono leggere (bè, sì, circa) e si accompagnano bene  con tutto.
Per farle occorre:
- 1 piccolo cavolfiore lessato o ancora meglio cotto al vapore
- 1 busta di grana grattugiato
- 1 uovo
- pan grattato
- un pizzico di sale
- poco pepe
- olio extravergine d'oliva
- una spolveratina di noce moscata (facoltativa, a me piace e ce la metto)
Il procedimento è molto semplice: basta schiacciare il cavolfiore con la forchetta per bene e poi impastarlo col grana e pan grattato.
Quest'ultimo è meglio aggiungerlo per ultimo e poco alla volta fino ad aver raggiunto una giusta consistenza (non troppo dura), perchè altrimenti le palline diventano troppo dure.
Si formano poi delle palline che si cospargono di pan grattato e si schiacciano leggermente (da tonde si cuociono meno bene) e si adagiano in una pirofila foderata di carta da forno.
Una bella innaffiata di olio e voilà! In forno a 200° ventilato per farle dorare per circa mezz'ora avendo cura di girarle sull'altro lato a metà cottura.
Ricordate: più piccole sono e più in fretta verranno mangiate....................

lunedì 1 ottobre 2012

spezzatino di soia con polenta


So che a molti questa ricetta potrà non interessare, ma per me rappresentava una sfida.
Perchè?? Ma come perchè?
Perchè una buona cuoca deve riuscire a far venire buono anche qualcosa che non lo è!!!
(e qui gonfio il petto)
A parte gli scherzi,cerco sempre di inserire alimenti diversi nella mia dieta e la soia mi sembrava una buona occasione per rinunciare alla carne una volta tanto.
Un pò perchè penso che nella alimentazione di oggi se ne abusi, e un pò perchè...confesso....ho un debole per la cucina macrobiotica.
E' sana, naturale e costituisce un esempio da seguire.
Però (perchè il però c'è) non è quasi mai gustosa.
Spesso a causa della carenza o assenza di sale oppure per regole di cottura eccessivamente, a mio avviso, integraliste.
Non bisogna perdere di vista il fatto che la cucina deve dare soddisfazioni, perciò io sono per una sana via di mezzo: genuinità degli ingredienti, ma metodi tradizionali.
Dopo questa super introduzione passiamo alla ricetta.
Ho fatto bollire in brodo di dado vegetale
- 1 confezione da 500gr di bocconcini di soia
per 10 minuti scarsi mentre in un tegame a parte facevo soffriggere:
- 3 cucchiai d'olio di oliva
- 1 grossa cipolla dorata
- 3 carote
- 2 peperoni (tutto tagliato grossolanamente)
- 1 mestolo del brodo di cui sopra
- 1 cucchiaino di cumino
- 1 cucchiaio di sciroppo d'acero (lo so ,lo so, ma fidatevi)
- una manciata di rosmarino secco
- pepe nero
Passati i 10 minuti ho scolato la soia e l'ho buttata nel tegame delle verdure aggiungendo:
- 1 scatola di polpa di pomodoro a pezzetti
- concentrato di pomodoro
- 1 dado vegetale
- 1 mestolo di brodo di prima
- 2 prese di sale marino
e ho lasciato il tutto a bollire allegramente per 1 ora abbondante.
Garantisco che quando l'ho assaggiato mi sono data una pacca sulla spalla da sola.
Quanto alla polenta, mi spiace, ma ho preso quella confezionata in panetti e ne ho messa qualche fetta sulla bistecchiera a grigliare.
A volte si può avere ogni buona intenzione, ma non il tempo per realizzarla.......

mercoledì 1 agosto 2012

bracioline japan style


La ricetta più veloce che abbiate mai visto.
E assicuro il risultato al 200%.
Prendete delle braciole di coppa di maiale (nel mio caso erano sottili, ma anche più spesse non sono male) e mettetele almeno 2 ore a marinare nel frigo con questo ingredienti
- 1 tazza di salsa di soia
- 1/2 tazza sciroppo d'acero o miele chiaro
- 2 cipollotti freschi tagliati a rondelle
- 2 spicchi di aglio
- 1 cucchiaino di sale
- pepe nero
- 1 cucchiaio di sherry o vino di riso (altrimenti saltare il passaggio)
- il succo di 1/2 limone o mandarino
- un cucchiaio di olio di sesamo ( o comunque un olio vegetale)
Dopodichè cuocete le fettine 2 minuti per lato su una piastra calda.
Tagliate a listarelle e servite con del riso basmati al vapore sono una favola................

torta alle prugne




Alle volte mettere insieme ingredienti improbabili fa ottenere un insperato successo.
Diciamo pure che dovevo svuotare il frigo da alcuni indesiderati....
Nella fattispecie ho condito
- 5 grosse prugne
con 
- 1/2 limone 
- 2 cucchiai di zucchero di canna  
e mentre maceravano per bene ho mescolato in una ciotola (udite udite):
- 4 Fruttolo di gusti diversi  
- 150 gr di burro
-  1 tazza di zucchero di canna
- 2 uova
- 1 bustina di vanillina
- succo di 1/2 limone
- 2 tazze di farina di kamut
- 1 e 1/2 cucchiaino di lievito in polvere               
- 2 cucchiai di latte       
e ho messo tutto in una tortiera quadrata in silicone, perchè la mia pigrizia è diventata cronica e non voglio più nemmeno tagliare la carta da forno se posso.
Quando l'impasto si è livellato per bene, ci ho infilato tutte le fettine di prugna in fila come su di un puntaspilli e ho infornato per un'ora e 10 minuti a 180 gradi posizionandolo nella parte più bassa del forno, perchè si doveva asciugare bene.
Per lo stesso motivo una volta spento il forno bisogna lasciare tutto dentro con lo sportello aperto così il calore finisce di cuocere.
Il brutto è stato che è stato difficile toglierla dallo stampo al silicone, il bello è stato (dico stato perchè è già finita) che pur essendo ben cotta, era da mangiare col cucchiaio data la squisita cremosità..........................

                                                                                                                                                                                           

mercoledì 11 luglio 2012

torta di pomodorini


Ricetta estiva e rapida.
Per la serie "cosa cucinare con niente nel frigo..."
In una padella di quelle che vanno sia in forno che nel fornello mettere
- un filo d'olio extravergine d'oliva
- mezza cipolla rossa tagliata a rondelle grosse
- 10-15 pomodorini pachino
- una presa di sale e pepe
- 1 cucchiaino di miele
e lasciare saltare 5 minuti mentre scaldate il forno a 180°.
Appena spento il fornello, prendere un disco di pasta sfoglia e andare a coprire la padella di pomodorini, avendo cura di rincalzarlo per tutto il bordo perchè aderisca bene ai pomodori.
Forarlo coi rebbi della forchetta e infornare per circa 20 minuti o meno.
La cosa difficile, e vi assicuro che è meglio aspettare che si sia un pò raffreddata, è girare la torta su un piatto stando bene attenti a che i pomodorini non scappino...
Ma, con una spolverata di basilico fresco sopra, vedrete che vi ripagherà dello sforzo....

domenica 24 giugno 2012

riso, patat' e cozz' !



E con 40 ° fuori e con la Puglia già nel cuore (visto che ci andrò fra poco) mi pareva giusto tirarmi avanti coi lavori.
Con un piatto leggero (sì, sì, dite di sì) e veloce (non c'è male dai).
Quello che serve (per 2 persone e mezzo) è:
- circa 200 gr di riso classico messo a bagno nell'acqua
- 1 grossa cipolla
- 3 patate tagliate a fettine sottili
- un barattolino di passata di pomodoro o pelati
- 300gr cozze crude pulite con mezzo guscio (io però ho usato quelle sgusciate e surgelate)
- una tazza di pangrattato
- 2 pugni di parmigiano grattugiato
- abbondante olio extravergine d'oliva (si sa...)
L'unica fatica è pelare le patate e accendere il forno a 250°.
Poi, in una tortiera non di silicone, iniziare a stratificare tutti gli ingredienti così:
prima una dose abbondante di olio, poi la cipolla tagliata a rondelle, le fette di patata (mi raccomando tutto uniformemente).
Spargere qua e là il pomodoro e condire con un presa di sale, parmigiano, pepe e un bel filo d'olio.
Dopodichè sistemare sopra tutte le cozze avendo cura di lasciare un pò della loro acqua in una tazza e sopra di esse il riso crudo e scolato dall'acqua dove stava.
Poi ripetere lo strato di patate, pomodoro, grana, sale, pepe, olio e infine cospargere tutto con una bella dose di pangrattato.
Prima di infornare, abbiate cura di far scivolare, sul bordo della teglia ( perchè se la rovesciaste al centro si farebbe un buco) l'acqua delle cozze e altra acqua fino quasi all'orlo della preparazione.
Questa servirà per cuocere il riso.
Ci vogliono circa 40 minuti di forno + gli ultimi 10 di forno ventilato per asciugare bene il tutto.
Lo consiglio vivamente come piatto unico.........

domenica 20 maggio 2012

pollo alla parmigiana


Per la serie: non so cosa cucinare, ma devo evitare di farmi un piatto di spaghetti.
Però non è che sia venuto male.
Certo, non sono spaghetti, ma con che cosa il pollo non si sposa bene??
Allora, in un filo d'olio, ho fatto rosolare:
- 1 cipolla rossa sottile
- 1 cucchiaio di origano fresco
poi dopo qualche minuto ho aggiunto
- mezza bottiglia di passata di pomodoro a pezzettoni
- 1 cucchiaino di zucchero di canna
- 2 pizzichi di sale marino
- 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
dopo circa un quarto d'ora ho fatto
- 8 fette di petto di pollo a dadini
e li ho buttati in padella a fuoco vivo, mescolando spesso per circa 10 minuti.
Poi ho spento la fiamma e ho cosparso il tutto di parmigiano grattugiato (circa mezzo trancio), mescolato una volta e lasciato coperto fino al momento di servire.
Vi dirò......(qui è la mia astinenza dal carboidrato che parla) l'ho trovato ottimo, ma come sarebbe stato bene su una bella bruschetta piena d'olio.......

sabato 19 maggio 2012

finta, affrettata e per giunta in ritardo colomba pasquale



Oggi avevo voglia di colomba, ma chiaramente non avevo tutti gli ingredienti che servivano.
Così ho provato a mescolare quelli che, a sentimento, potevano avvicinarsi al suo sapore.
C'è da dire che la colomba vera andrebbe fatta con il lievito di birra fresco e lasciata lievitare per qualche ora.
Quindi, non avendo nè tempo nè ingredienti (un disastro, insomma) ho mescolato:
- 1 tazza di farina "00" (sono circa 200 gr eh?)
- 3/4 di tazza di farina integrale (sì, lo so, ma non la volevo troppo bianca...)
- 1 tazza di zucchero di canna
- circa 100 gr di burro
- 2 cucchiai di miele millefiori o di arancio (che sarebbe meglio)
- 3 uova intere ben sbattute
- 1 fialetta di aroma alla mandorla
- la scorza grattugiata di mezzo limone
- 1 bustina di lievito per torte salate
- 2 cucchiai di Cointreau
- 3 cucchiai di latte intero
a dirla proprio tutta avrei dovuto sbattere i bianchi delle uova e incorporarli a parte, ma chi ne aveva voglia oggi di tirare fuori anche il frullatore?
Io no di certo, così....
Prima di infornarla, ho spezzettato sulla superficie qualche cubetto di fudge.
Dio, che superba invenzione il fudge...burro caramellato solido!
Ottimi sia per decorare i dolci, sia su due piedi per crisi sentimentali o glicemiche improvvise.
Comunque, stavo dicendo: sulla superficie ho spezzettato
- 5-6 cubetti di fudge
- 3 cucchiai di zucchero di canna
- una bella manciata di mandorle intere non spellate
e ho cotto il tutto in forno a 160° per circa 50 minuti in teglia quadrata ....certo, quadrata.
Era ovvio che non avessi nemmeno quella a forma di colomba, no?


giovedì 3 maggio 2012

beverone dietetico fai da te!

Allora: sono a dieta.
La smania di cucinare è così tanta che, normalmente, tutto quello che faccio lo mangiano i miei cari che (accidenti a loro) non hanno bisogno di perdere neanche un etto, semmai il contrario...
Quindi, io cerco di stare leggera e mi ammazzo di palestra, ma senza i risultati rapidi che vorrei.
Perciò mi faccio attrarre da beveroni che promettono miracoli, come tutti, ma cerco di prenderla anche con le molle.
Perchè molti hanno ingredienti che accelerano il metabolismo (e non li voglio assolutamente!) oppure hanno sostanze di dubbia qualità.
Io non intendo nutrirmi di tali prodotti e nemmeno di farlo tutto il giorno, però intendo provare a sostituire un solo pasto al giorno con uno di questi bei bicchieroni che mi fanno sentire così A DIETA!
Così perchè non farmelo da sola un bel sostitutivo del pasto sano e sicuro??
E certo anche economico, se avete visto quanto costano i più famosi...
Allora, basta disporre di un frullatore e tenere bene a mente che quello che dovrà contenere saranno proteine (in primis), vitamine, fibre, sali minerali e grassi (buoni!).
Le combinazioni sono tantissime, ma il più buono che ho provato per ora è:
- 1/2 banana
- 1 yogurt 0,1% grassi al caffè
- 2 cucchiai di latte (o soia, o riso, a seconda)
- 3 noci sgusciate
- 1 cucchiaino di germe di grano in polvere
- 1 cucchiaino di lecitina di soia
- 1 misurino di proteine in polvere (quelle che volete, io ho le Enerzona)
- 1 cucchiaino cacao solubile zuccherato (tipo nesquik ma bio, che ha poco zucchero di   canna!)
Vi assicuro che riempie, non è pesante, ed è sicuramente più sano di quelli acquistati.
Si può variare con altri tipi di frutta fresca e aggiungere crusca per chi..........ne avesse bisogno............................................


venerdì 27 aprile 2012

mini muffin cocco e riso


Bè, ho comprato questa strana teglia per minimuffin ieri all'ikea e dovevo provarla subito.
Con pirottini di carta colorati annessi, eh?
Facilissimi, bastano:
- 1 tazza di farina
- 1 zucchero di canna
- 1/2 tazza di cocco grattugiato
- 1/2 tazza di farina di riso
- 1/2 cucchiaino di bicarbonato
- 1 cucchiaino di lievito
- 1 bustina di vanillina
- 1 uovo
- 1/ tazza di olio di semi
- 1 yogurt greco
- 4 cucchiai di latte
Si impasta il tutto velocemente, ricordate che meno si mescola bene e più buoni vengono........................bah, ancora non so se crederci a questa cosa qui, comunque.
In forno a 180° ventilato per 15 minuti e voilà!
Consiglio una copertura al cioccolato bianco....basta far sciogliere il cioccolato bianco con un goccio di latte........e spalmarlo sopra.....................cercando di lasciar raffreddare bene.................................................

martedì 24 aprile 2012

Tortelli di grano saraceno con marmellata d'albicocche


Dovete sapere che ho un debole per la cucina biologica e macrobiotica.
Perchè non sempre ho voglia di dolci calorici e ricchi, ma anche di qualcosa di semplice e "salutare" con cui fare colazione o da accompagnare a un buon tè nero...
Per farli ho usato tutti ingredienti biologici, ma voi fate come vi pare:
- 300 gr farina di grano saraceno
- 100 gr farina normale
- 200 gr burro
- 1 bustina vanillina
- 1 pizzico sale
- 200 gr zucchero di canna grezzo
- 1 uovo e 1 tuorlo
- marmellata di albicocca
Il procedimento è molto semplice: basta fare una pastafrolla mescolando insieme tutti gli ingredienti.
Si può procedere anche malamente, tanto il risultato è assicurato dal burro che deve essere morbido (bastano 30 sec. al microonde).
La palla di impasto che si ottiene deve riposare in frigo per almeno una mezz'oretta.
Stendendola poi su di un piano consiglio di usare un largo bicchiere per fare i dischi che una volta farciti al centro si possono chiudere saldando i bordi con le dita.
Una volta in forno bastano 15 minuti circa a 180°.
Di marmellata ce ne sta un cucchiaino circa.....ma più grande è il disco e meglio è....non nascondo il fatto di aver farcito gli ultimi con crema di cacao e granella di nocciole, però................................................................

pollo piri-piri

Credo che sia una ricetta thailandese...o della Polinesia.
Comunque per essere stato un esperimento, è andato piuttosto bene.
Anche se la lista degli ingredienti può spaventare, premetto che il risultato è piuttosto delicato e agrodolce.
Ci vuole:
- una confezione da 6 cosce o fusi di pollo
che bisogna scottare su piastra ben calda per almeno 15 minuti.
Mentre rosolano, bisogna mettere nel frullatore:
- 2 cipolle rosse
- 3 spicchi di aglio
- il succo di 2 limoni
- 4 cucchiai di aceto di mele o di riso
- basilico fresco
- 2 cucchiai di salsa Worchestershire
- 1 cucchiaino di peperoncino macinato
- 2 cucchiai di paprika dolce affumicata
A questo punto, trasferire il pollo in una casseruola da forno,salarlo, immergerlo nella salsa appena frullata e cuocere il tutto per 1 ora e un quarto circa a 200° avendo cura di girarlo spesso e coprendolo con un foglio di carta forno bagnata.
Io trovo stia bene accompagnato da riso bianco a vapore che è davvero necessario per gustarsi il sugo che ne esce......................................................

lunedì 23 aprile 2012

pancakes dolci al farro


Appena ci si sveglia è sempre bello mettere sul fuoco la piastra a scaldare per preparare qualcosa di sano.
Poi è bello e veloce fare i pancakes.
Mai provato??
Una mia amica li faceva anche per cena per i suoi bambini, ogni tanto.
Perchè si possono fare anche non dolci, ma dolci-salati tipo crepe, per magiarli anche con prosciutto o formaggio...(basta ridurre lo zucchero e aggiungere un pizzico di sale).
Sono sempre reduce dal corso di cucina naturale, per cui ho usato ingredienti bio.
In una ciotola si mette:
- 1 tazza di farina di farro
- 1 tazza di zucchero di canna
- 1 bustina di vanillina
- 1 uovo
- 1 cucchiaio di burro
- latte q.b. per impastare
e si mescola il tutto aggiungendo latte fino a ottenere una pastella densa, non liquida!
Si lascia riposare qualche minuto mentre si scalda la piastra e poi con l'aiuto di un mestolo si lascia colare un pò di impasto(circa 2 cucchiai) per ottenere un pancake delle dimensioni di un'arancia.... o almeno io li faccio piccoli.
C'è chi li fa anche più grandi, ma sono più difficili da cuocere.
Quando fanno le bollicine in superficie sono da girare e hop!
Belli caldi, si innaffiano tradizionalmente di sciroppo d'acero, ma a casa mia con nutella, marmellata, cioccolato bianco, malto di riso, miele....................................................................................................................................................................

martedì 17 aprile 2012

biscottini burro e mais


So che la forma adatta per questi biscotti sarebbe stata quella tonda acciambellata a tarallo, ma quando si hanno bimbi, bisogna accontentarli.
Ho sempre adorato i biscotti del Mulino Bianco che si chiamavano "Pannocchie" e non sono mai riuscita a riprodurli bene, ma stavolta mi sono avvicinata(ciò significa che non sarà l'ultimo post di biscotti al mais).
Ci ho messo:
- 500 gr di farina
- 100-150 gr di farina di mais( ci si regola mentre si impasta)
- 250 gr burro
- 2 uova
- 1 cucchiaio di succo di limone
- 1 bustina vanillina
e adesso che ci penso, un pochino di colorante giallo ci sarebbe stato bene...così venivano dello stesso colore di quelli del mulino...
In ogni modo, bisogna impastare tutti gli ingredienti col burro ammorbidito come si fa per la pasta frolla, si ritagliano con spessore di circa 1 cm e basta poco per cuocerli.
Io ho messo il forno a 180° non ventilato e 15 minuti sono stati sufficienti.
Non bisogna farli dorare troppo secondo me, ma sfornarli appena sono cotti.
Certo, avere la formina a forma di pannocchia per farli sarebbe stato tremendo.....

tacchino divino


Mi piace molto la carne bianca, ma il tacchino non è che mi abbia mai fatto impazzire.
Un mio amico infatti lo chiama "tacchinaccio".
Per cui, a parte coi funghi, non sapevo in quale altro modo farlo, finchè non ho pensato di metterlo a marinare per ore con qualcosa che ne migliorasse il sapore a tutti i costi!!
Dopo qualche esperimento fallito, finalmente ho scoperto il mix adatto.
L'ho trattato come se fosse un pezzo di selvaggina e perciò gli ho messo spezie che andrebbero bene anche per l'anatra o la faraona.
In un contenitore ho messo:
- 2 sovracosce di tacchino (circa 700 gr?)
- una presa di sale marino
- una spolverata di pepe nero
- 1 cucchiaino di aglio in polvere
- 1 cucchiaio di rosmarino secco
- il succo di mezzo limone
- 1 cucchiaio di sciroppo d'acero
- 2 cucchiai di salsa di soia
- 4 cucchiai di porto
dopodichè l'ho massaggiato bene(sì, un bel massaggino rilassante) e l'ho lasciato in frigo a marinare per circa 4 ore.

Poi ho acceso il forno a 180° non ventilato e, dopo averlo messo nella teglia circondato sopra e sotto da carta da forno bagnata, l'ho lasciato a cucinare per 2 ore senza mai girarlo.....comodo,eh?
Alla fine ho tolto la carta forno da sopra e l'ho fatto rosolare a forno ventilato per altri 20 minuti.
Adesso che scrivo mi viene in mente che il suo sughetto è talmente buono che forse varrebbe la pena metterlo in un pentolino e farlo bollire 5 minuti con una presa di farina per ridurlo e dargli quel che da salsetta...magari la prossima volta ci provo!
Giuro e stragiuro che è davvero buono, specie col purè...ma....cos'è che non è buono col purè?
Beh, dai, comunque ci siamo capiti...

lunedì 16 aprile 2012

ragù di un giorno di pioggia


Piove, piove....
allora mi armo di piccone e luce da speleologo e vado in avanscoperta nel mio freezer.
Non è normale dimenticarsi vaschette di macinato nel profondo??
Per me sì...perchè penso che il macinato sia una di quelle cose che non deve mancare mai in casa.
Ci si fanno troppe cose(lo compro quasi sempre al supermercato), per cui ero sicura che un paio di confezioni dimenticate ci fossero!
Però non pensiate che questa ricetta sia "assoluta".
Nel senso che tutti ne hanno una loro, specie qui in romagna.
Però è bello sperimentare, per ciò oggi ci ho provato con:
- 600 gr macinato misto bovino-suino( insomma 2 vaschette del supermercato!)
- 3 fette di mortadella molto ben sminuzzate
- 1 cucchiaio di salsa di soia
chiaramente dopo aver fatto soffriggere
- 2 cucchiai di misto per soffritto (sempre surgelato, eh,eh)
- 3 cucchiai di olio di oliva
Ho rosolato tutto per bene prima di aggiungere
- una spruzzata di vino bianco (io avevo del vermouth)
e farlo asciugare bene prima di aggiungere
- mezza bottiglia di polpa di pomodoro (circa 400 gr)
- 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
- sale e pepe q.b.
e ho fatto bollire piano piano per ben 2 ore e mezza aggiungendo un pò di brodo di carne se si asciugava troppo...
Anche la ricetta del brodo la metterò,eh?
Devo solo risolvere il problema che non viene bene in foto............

venerdì 13 aprile 2012

muffin malto e carote


Ed eccomi nel pieno momento della mia nuova ossessione: la cucina naturale.
Ho fatto un mini corso per bambini e mi sono subito appassionata dell'argomento.
In particolare questa ricetta la riporto volentieri perchè mi sembra rispecchi in tutto e per tutto il concetto.
Quello che si ottiene è un dolce dal sapore diverso e più pieno e, anche se meno dolce, comunque gustoso.
Premetto che non sono mai stata una fanatica del genere; credo che la nostra cucina marci troppo in generale sul sale, lo zucchero e ingredienti altamente raffinati, ma pensavo che quella sana e naturale sapesse fondamentalmente di segatura!
In parte mi sbagliavo, sebbene a questa ricetta io abbia fatto qualche modifica per renderla leggermente più....dolce!!!
Però, in quanto muffin, sono comunque facili e veloci.
Gli ingredienti sono:
- 2 tazze di farina integrale
- 1 tazza di farina di mandorle
- 200 gr di malto di riso
- 3 cucchiai di zucchero integrale di canna (o moscovado)
- 2 carote grattugiate
- 1 uovo
- 4 cucchiai di succo di arancia
- 1/2 tazza di olio di oliva o di semi bio
- 1 bustina vanillina
- un pizzico di sale
- 1 cucchiaino di lievito in polvere
La regola generale e più veloce è sempre quella di mettere tutti gli ingredienti umidi in una ciotola, e quelli asciutti in un'altra.
Mescolare bene entrambe le ciotole e poi unire amalgamando bene il tutto.
Dividere il tutto negli stampi per muffin bene oliati( o di silicone come nel mio caso...ve li consiglio!) e infornare tutto a 180° in forno non ventilato per circa mezz'ora. O comunque fin quando lo stecchino con cui lo infilzate non ne esce asciutto.
Grazie al malto vengono belli lucidi e credo che la prossima volta ne spargerò la sommità di granella di mandorle prima di cuocerli.....

giovedì 22 marzo 2012

pizzette di melanzana


Adoro letteralmente questo piatto.
Perchè è facile, veloce e buonissimo....oltre che abbastanza light(se si usa formaggio a basso tenore di grassi) che non fa mai male...
Le dosi non sono proprio indispensabili, ma giusto per dare l'idea di quante ne faccio io:
- 2 melanzane tonde
- 1/2 bottiglia di polpa di pomodoro
- 1 panetto di mozzarella(ma sono ottime anche con l'asiago o la fontina)
- olio, sale ,pepe e origano q.b.
Affettare le melanzane dello spessore di circa 1,5 cm e disporle sulla teglia rivestita di carta da forno.
Mettere la polpa di pomodoro in un tegamino, e farla sbollentare appena 3 minuti con un pizzico di sale, pepe, olio.
Guarnire ogni fettina 1 cucchiaio di pomodoro, origano e qualche cubetto di mozzarella abbastanza grosso.
Passare un filo d'olio su tutte e infornare a 200° per circa 15-20 minuti o comunque finchè il formaggio non è bello sciolto e dorato.
Unica avvertenza: mai addentarle appena uscite dal forno......

sabato 3 marzo 2012

fantastico hummus



Ecco, questo posso dire tranquillamente e senza paura di smentita che è uno dei miei cavalli di battaglia.
Dà assuefazione, è vero.
Non si smette di mangiarlo finchè non si vede il fondo del recipiente ( come mi hanno detto).
E poi è veloce e si sposa benissimo soprattutto con la carne, oltre che con patate, tortillas, ecc.
Serve solo un buon frullatore in cui mettere
- 1 yogurt magro non zuccherato
- 1 spruzzata di limone
- 1 spicchio di aglio grandino o 2 piccoli
- 1 cucchiaio di tahin (salsa di sesamo)
- 1 barattolo di ceci lessati
- sale
- paprika dolce
- oilo d'oliva
e poi si cerca di ottenere una consistenza densa come il purè, per intenderci, perciò io aggiungo sempre lo yogurt greco anzichè quello normale che è sempre troppo liquido e metto l'olio alla fine per regolare il tutto.
Non sapete quanto è buona sulle crocchette di pollo.....e dentro la piadina arrotolata con dentro le crocchette di pollo....................................

a tutto chili.....


Serata messicana con amici e come poteva mancare il mio famoso chili con carne????
Lo adoro sia da solo che accompagnato da tortillas.....
E poi è facile e quindi si fa bella figura con poco (che non va mai male).
L'unica complicazione è che deve bollire per almeno 1,5 ore anche se io lo tengo anche 2,5 ore sul fornello per avere un risultato molto 'tirato'.
Si comincia oliando una pentola bella capace per poi iniziare aggiungendo:
- 2 cipolle grandi tagliate non troppo sottili
- 1 spicchio di aglio grattugiato
- 1 peperone giallo
- 1 peperone rosso
e la mia personale scelta di spezie (che ammetto possono variare a seconda dei gusti)
- 1 cucchiaino di paprika dolce
- 1 cucchiaino di peperoncino extra forte
- cumino secco (ho il tappo-macina quindi non saprei la dose con esattezza!)
- coriandolo secco
- pepe di caienna
- salsa worchestershire
- 1 cucchiaino di zuccherodi canna
e rosolare il tutto finchè le cipolle sono trasparenti.
Poi aggiungere
- 800 gr di manzo macinato
e rosolarlo bene mescolandolo alle verdure.
Dopo circa 10 minuti
- 2 scatolette di passata di pomodoro a pezzettoni
- 1 tazza di ketchup
- 2 cucchiai di cacao amaro
- sale q.b.
e lasciare bollire per tutto il tempo possibile parzialmente coperto.
Ecco uno dei piatti per cui servirebbe quell'interessante elettrodomestico che è la slow cooker....(uno dei miei acquisti futuri appena troverò il posto dove metterla!)
Alla fine della cottura direi che sarebbe bello servirlo con una bella spolverata di coriandolo fresco tritato, ma purtroppo io non lo trovo mai da nessuna parte quindi lo sostituisco sempre col semplice prezzemolo.
Ah, e non dimenticate il riso bianco per servirlo!
Io cuocio il riso a chicco lungo al vapore senza sale e poi metto in una tazza
- olio di oliva extravergine
- sale
- pepe bianco
- succo di limone
- aglio in polvere
- coriandolo secco tritato
una bella mescolata ed è bello fresco e leggero.......almeno quello...............

domenica 12 febbraio 2012

cantucci di mais alle mandorle


Facile, facile, facile.
Basta mescolare:
- 1 tazza e 1/4 di farina
- 1 tazza e 1/4 di farina di mais fine da polenta(tipo fioretto)
- 1 tazza di zucchero semolato
- 2 uova
- 125 gr di burro
- mezzo cucchiaino di sale
- mezzo cucchiaino di lievito
- la scorza grattugiata di mezzo limone
- 1 tazza di mandorle
e fare un bel panetto con le mani da mettere al centro della teglia da forno.
Attenzione a non farlo troppo grosso, cioè alto, altrimenti l'interno rimane morbido tipo ciambellone e di conseguenza poco biscottato...
Dopo 35 minuti di forno a 180° vedrete che la superficie diventa piena di crepe: quello è il segno che è ben cotto!
Sfornatelo, lasciatelo raffreddare molto bene su una gratella o sulla teglia direttamente e poi tagliatelo a fette non troppo sottili con un coltello da pane.
Sono ottimi per il tè del pomeriggio...o per il vin santo della sera....anche se, fosse per me, li annegherei solo in una tazza di latte caldo...

le polpette della mamma


Nel senso che non le ha fatte proprio lei, ma la ricetta è la sua...
Allora,so che sono stata un pò assente, ma date le condizioni meteo non potevo fare altro in casa che cucinare...e poi con questa neve sono l'ideale...
In una bella pentola larga ho fatto bollire per circa 15 minuti:
-una bottiglia di passata di pomodoro bio
- 1 scalogno tagliato a fettine
- un filo d'olio d'oliva
- una presa di sale
- poco pepe
mentre in una ciotola mescolavo:
- circa 750 gr di macinato di maiale (2 vaschette del supermercato)
- 250 gr di ricotta di mucca
- una spolverata abbondante di noce moscata
- un bel pugno di parmigiano grattugiato
- un poco di erba cipollina secca
- 2 cucchiai rasi di farina di riso
- una manciata di prezzemolo grattugiato
- 2 uova
Quando queste polpette sono fatte, c'è da stare attenti perchè sono molto morbide(data la ricotta), ma niente paura.
Adagiatele nel sugo e lasciatele in quella posizione a cuocere per circa 10 minuti dal bollore, dopodichè...voilà, saranno sode e potrete girarle tranquillamente.
So che ci sono ricette più ricche e saporite per le polpette, ma queste sono morbide e leggere e...perfette da accompagnare con un pò di polenta grigliata come un amico mi ha fatto recentemente notare.............